Torta rustica al cavolfiore viola

1
580
torta cavolfiore viola
torta cavolfiore viola

E’ un uggioso sabato pomeriggio e la noia sembra che stia avendo la meglio. Tra un film, un buon libro e una calda tisana, vi viene voglia di preparare qualcosa di sfizioso e particolare. Magari un bel piatto dai colori vividi e accesi che faccia da contrappeso al pallido grigiore dei nuvoloni che sovrastano la città.  Io mi sono cimentata nella preparazione di questa nuova ricetta. Una torta rustica dal colore brillante e caratteristico, bella da vedere e buona da mangiare!

Ingredienti per 4 persone
Per la base:

  • 130 gr di farina di sorgo
  • 130 gr di farina di mais fioretto (quella finissima)
  • 40 gr di farina di riso integrale
  • 3 gr di farina di guar
  • mezzo cucchiaino di bicarbonato
  • mezzo cucchiaino di sale

Per il ripieno: 

  • 2 cavolfiori viola di medie dimensioni
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • Brodo vegetale
  • panna vegetale (di avena, riso o soia)
  • “formaggio” vegetale
  • pangrattato di mais
  • olio e sale q.b.
  • Teglia da 30 cm di diametro

Preparazione

  1. Preparate, prima di tutto, un soffritto con olio, carota, cipolla e sedano.
  2. Quando l’olio frigge, rovesciate nella padella il cavolfiore viola, precedentemente lavato e tagliato.

    Cavolfiore viola tagliato
    Cavolfiore viola tagliato
  3. Versate del brodo vegetale e, se il brodo non è già salato, aggiungete il sale. Quando il cavolfiore è cotto e il brodo si è asciugato, aggiungete circa 3 o 4 cucchiai di panna vegetale, a seconda del grado di cremosità desiderato.
  4. Per la preparazione della base della torta, mescolate tutte le farine, il bicarbonato e il sale. Versate l’acqua e iniziate ad impastare, in modo da ottenere una palla morbida ma non appiccicosa.
  5. Stendete questo impasto usando il mattarello. Fate attenzione: le farine senza glutine hanno la particolarità di non essere molto coesive, tendono a sbriciolarsi e sono difficilmente stendibili. La farina di guar è necessaria proprio per dare una struttura all’impasto e permetterne la stesura.
  6. Il mio consiglio è di stendere direttamente sulla carta forno, facendo attenzione a infarinare di tanto in tanto il mattarello per evitare che la pasta si appiccichi.
  7. Una volta steso l’impasto, tagliate i bordini con un coltello o un taglia pasta, e trasportate la carta forno (facendo attenzione a non smuovere in alcun modo l’impasto steso) direttamente all’interno di una teglia tonda con diametro di circa 30 cm. Se necessario, aggiustate un pochino i bordi della pasta con le mani.
  8. Passiamo ora a farcire la nostra torta rustica. Naturalmente, potete scegliere la strategia che più preferite. Io ho ho disposto, alla base della torta, una prima porzione di cavolfiore, poi ho steso delle fettine di “formaggio” vegetale e successivamente ho aggiunto un ulteriore strato di cavolfiore. Infine ho spolverato il tutto con del pangrattato di mais.
    Disporre lo strato di “formaggio” vegetale

    Ripieno della torta rustica disposto per strati
    Ricopriamo con un altro strato di cavolfiore
  9. Infornate a 200 °C, in forno preriscaldato. La cottura, che dovrebbe durare circa mezz’ora (dipende dal tipo di forno), sarà terminata nel momento in cui vedrete la superficie della torta rustica abbrustolirsi.
  10. Una volta pronta, lasciatela raffreddare. Consiglio di servirla tiepida, in modo da mantenere morbido il “formaggio” vegetale che si trova all’interno.

Ottima per una cena in compagnia e, grazie all’assenza di glutine, indicata anche per gli amici celiaci!

Come sempre, fateci sapere nei commenti come vi è venuta!

Per altri gustosi secondi cliccate qui.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here